Sviluppo Cartamodelli Sartoria industriale

Hoplites » Sviluppo Cartamodelli Sartoria industriale

La creazione del cartamodello è la fase in cui l’idea e il figurino (o schizzo) dello stilista iniziano a prendere forma; quindi, è un passaggio indispensabile per la realizzazione di una collezione.

Cos’è un cartamodello?

Il cartamodello è un tracciato, stampato su carta, che indica il profilo di tutti i pezzi che dovranno essere ricavati, mediante il taglio, dal tessuto. I pezzi saranno poi assemblati per realizzare il capo di vestiario.

Come si realizzava un cartamodello in passato

In passato il cartamodello veniva creato manualmente dal modellista che, grazie all’ausilio di righe e squadre, disegnava direttamente la sagoma dei vari pezzi per la composizione del capo di abbigliamento su carta o cartoncino, basandosi su tabelle misure standard per le produzioni industriali oppure sulle specifiche misure di una persona, nel caso del su misura.

Con quel primo cartamodello si realizzava un prototipo che veniva “ sdifettato” , cioè se ne verificava la corretta vestibilità, indossandolo ad un manichino o meglio ad una persona con misure e proporzioni compatibili con la taglia e vestibilità del capo realizzato

Il successivo step per il modellista era quello di effettuare lo sviluppo modellistico nelle varie taglie da produrre (in genere dalla Small alla Large, ma ci sono anche le extra Small e le extra Large), un lavoro lungo e certosino che poteva richiedere parecchie ore o giorni di lavoro

L’ultimo passaggio era quello di prendere tutti i pezzi del cartamodello di cartoncino, nelle varie taglie, e posizionarle su un foglio di carta termoadesiva al fine di realizzare il “piazzamento” che consisteva nell’incastrare fra di loro tutti i pezzi per poter sfruttare al massimo il tessuto avendo meno spreco possibile.
In pratica equivaleva a creare una specie di puzzle ma molto più complesso: solo per fare un esempio, una giacca può essere composta anche da più di 50 pezzi fra tessuto, fodera ed interfodere e, se moltiplicate questo per almeno 4 taglie, il modellista si ritrovava a dover incastrare una quantità enorme di pezzi!

Ultimato anche quest’ultimo step, finalmente il “piazzamento o tracciato” veniva dato al tagliatore che si occupava di posizionarlo sopra il “materasso” (vari strati di tessuto sovrapposti) per poter finalmente procedere col taglio

Come si realizza un cartamodello ai nostri giorni

Oggi la tecnologia ha velocizzato di molto le varie fasi di creazione del cartamodello sartoriale industriale; infatti, grazie a speciali Software di Modellistica sistema CAD (Computer Aided Design) è possibile

  1. La Creazione di modelli virtuali seguendo le misure fornite o le indicazioni circa il tipo di vestibilità indicata dallo stilista sui figurini tecnici
  2. Nel caso ci siano già dei modelli cartacei si procede alla Digitalizzazione, controllo ed industrializzazione dei vari pezzi
  3. Successivamente alle fasi A oppure B, si passa al piazzamento automatico in cui il computer si occupa di fare varie simulazioni di piazzamento in modo da raggiungere la maggiore efficienza possibile; spesso accade che il modellista intervenga dando dei comandi manuali al fine di aumentare ulteriormente l’efficienza e ridurre al massimo gli sprechi di tessuto
  4. Con il sistema CAD è possibile anche modificare a schermo i pezzi che compongono il cartamodello, aggiungere margini di cucitura, scritte e tutte le informazioni che saranno necessarie in fase di assemblaggio e cucitura del capo il tutto grazie all’inserimento di una serie di informazioni che il modellista inserisce nel programma.
  5. Quando il piazzamento è pronto, viene stampato con una grande stampate, detta plotter, e a questo punto quello che era un modello virtuale diviene a tutti gli effetti un cartamodello da fornire al tagliatore per il taglio del tessuto.

Quali sono i formati dei file generati con CAD?

Con il sistema CAD si possono generare vari files per diversi utilizzi:

  • Il file in formato DXF (Drawing Exchange Format ) viene utilizzato come soluzione per scambiare dati fra vari programmi di AutoCAD. Per esempio, il modellista crea il modello e poi lo invia via mail ad un altro operatore in un’altra azienda che può importarlo e modificarlo a piacimento senza limitazioni
  • Un file ISO è un singolo file che riproduce interamente e perfettamente il contenuto di un file inviato, viene utilizzato quando si utilizza il taglio automatico per il taglio del tessuto
  • Il file in formato HPGL è il principale linguaggio di controllo per stampanti usato dai plotter Hewlett-Packard. Il nome è la sigla di Hewlett-Packard Graphics Language. Successivamente è diventato uno standard per la maggior parte dei plotter.

Hoplites ti può supportare nello sviluppo di:

  • cartamodello camicia uomo
  • cartamodello giacca donna
  • cartamodello giacca uomo
  • cartamodello t shirt
  • cartamodello pantaloni uomo
  • cartamodello cappotto
  • cartamodello camicia donna
  • cartamodello cappotto donna
  • cartamodello gilet donna
  • cartamodello gilet uomo
  • cartamodello caftano
  • cartamodello cappotto uomo
  • cartamodello felpa uomo
  • cartamodello abito donna
  • cartamodello felpa donna
  • cartamodello pigiama
  • cartamodello vestaglia
  • cartamodello bermuda donna
  • cartamodello vestito dritto

Un ponte di comunicazione tra Cliente e Produttore.

HOPLITES S.r.l. è una risposta alle moderne esigenze e dinamiche del mercato così come si è evoluto negli ultimi anni, incentrato sulla soddisfazione del cliente, mirando a realizzare relazioni durature, con reciproco vantaggio di tutte le parti coinvolte, piuttosto che perseguire relazioni mordi e fuggi a breve -vissuto e senza reali benefici per nessuno.